Torna a Honda CRF1000L Africa Twin

modifica cerchi Bartubeless

Raggi e viaggi

Nella maggior parte dei casi le ruote a raggi (salvo brevetti particolari) prevedono la presenza di una camera d’aria all’interno del pneumatico, croce e delizia di generazioni di motociclisti.

Se infatti in ogni parte del mondo si può trovare un gommista in grado di pezzare una camera d’aria è pure vero che in caso di foratura il pneumatico va a terra nel giro di qualche minuto e per ripararlo è necessario smontare il cerchio ed il pneumatico stesso, mentre con il sistema tubeless lo sgonfiamento è più graduale e nella maggior parte dei casi si riesce a rimediare con una bomboletta di “gonfia e ripara” o un kit di riparazione in pochi minuti e senza smontare la ruota.

Durante lunghi viaggi quindi la seconda situazione è normalmente preferibile a nostro avviso, ed è comunque possibile montare in emergenza una camera d’aria anche in una ruota tubeless se il canale del cerchio o il pneumatico hanno danni tali da non riuscire più a mantenere la pressione.

Honda ha purtroppo deciso di non utilizzare cerchi di tipo tubeless, peraltro impiegati già 20 anni fa sulle mitiche XL600, ma di mantenere la tipologia con camera per la sua nuova maxienduro e per rimediare a quello che noi consideriamo un difetto ci siamo rivolti alla Bartubeless di Cura Carpignano (PV) che è in grado di trasformare i cerchi applicando una fascia di speciale polimero sul canale centrale dove insistono i nippli dei raggi, sigillandoli.

 

Hump, questo sconosciuto

I cerchi tubeless hanno nel loro profilo un bordino detto “hump” che impedisce lo stallonamento del pneumatico in caso di abbassamento della pressione, mentre i cerchi tube type ne sono normalmente sprovvisti nelle misure più strette (anteriore).

La modifica di un cerchio tube type in tubeless porta quindi ad avere questa lacuna a cui si può rimediare sostituendo il canale del cerchio, in caso invece si lasci il canale originale occorre prestare attenzione e monitorare la pressione che si utilizza (limite min. 1,6 bar) in quanto potrebbe esserci il rischio di stallonamento. Rischio comunque presente anche in caso di foratura con camera d’aria, con la differenza che lo sgonfiamento è in questo caso repentino e quindi più pericoloso.

 

Funziona? Garantito

Ogni dubbio sull’efficacia di questo sistema è svanito quando ci è stato comunicato che i cerchi modificati vengono punzonati al loro interno e su di essi vige una garanzia di ben 4 anni dall’installazione del polimero. In caso sia necessario sostituire i nippli l’operazione può essere effettuata tagliando una piccola porzione di polimero e riparandola poi con il kit che viene fornito, quindi non occorre ripetere il lavoro.

 

Feedback sulla distanza

Dopo oltre 8’000 km percorsi possiamo dirvi che le pressioni sono rimaste stabili, salvo un paio di decimi di bar all’anteriore -ma lo riteniamo fisiologico- per cui per ora la modifica si è dimostrata assolutamente affidabile.

Abbiamo affrontato sia strada, che lunghe tratte autostradali, che percorsi in fuoristrada di varia difficoltà.

 

Contatti:

La Bartubeless si trova a Cura Carpignano in provincia di Pavia.

Il nostro consiglio è quello di andarli a trovare in azienda per una piacevole chiacchierata e per toccare con mano i campioni di ruote con e senza modifica.

Altrimenti l’azienda si appoggia ad alcuni partner in tutta Italia che possono occuparsi di smontare e spedire le vostre ruote per poi reinstallarle una volta pronte.

Tutte le informazioni sul sito http://www.bartubeless.it/

Bart Factory

Via Prado, 12 – 27010 Cura Carpignano (PV)
P.IVA 02394980185
Tel. +39 0382.583180 – +39 335.8392607

 

20160617_173603_resized

 

20160617_173537_resized

 

20160617_220823_resized
Translate »