Bardi (PR)

La cittadina di Bardi ha oltre 2’000 abitanti e risulta quindi già una “metropoli” nel contesto rurale, ci ha però colpito oltre che per le sue bellezze paesaggistiche e architettoniche (su tutte l’imponente castello dei Landi) proprio perché è inserita in una zona collinare dove la vita è ancora regolata dai ritmi dell’agricoltura e la pianura industrializzata che si scorge all’orizzonte è in realtà una dimensione più che mai lontana.

La Val Ceno riporta alla mente agli appassionati di motori l’autodromo di Varano de’ Melegari, che si trova solo pochi chilometri più a valle, non distante dallo stabilimento dove si producono le prestigiose monoposto Dallara, a Bardi però si respira tutta un’altra atmosfera: il maestoso castello che sovrasta il borgo sembra voler tener fermo lo scorrere del tempo con la sua imponente presenza. Un giro al suo interno è d’obbligo, non fosse altro che per l’incantevole panorama che si può ammirare dalle sue torri.

Dopo i fasti medievali e le lotte tra Guelfi e Ghibellini la storia più recente della città è di emigrazione e spopolamento ma la tradizione contadina è ancora forte, tanto da aver dato il nome a una particolare razza di cavalli adatti al lavoro nelle campagne, quella bardigiana appunto. Altrettanto doverosa diventa quindi la degustazione dei prodotti locali, su tutti funghi porcini e gli immancabili salumi accompagnati dal classico gnocco fritto oltre al tradizionale parmigiano reggiano.

Bardi si può raggiungere rapidamente dal casello di Fornovo della A15 ma la soluzione che consigliamo è sicuramente quella di partire dalla Liguria e seguire la SP523 del Colle di Centocroci da Sestri Levante  per poi raggiungere il bel borgo di Compiano e intraprendere la SP66 del Passo della Colla oppure la SS359 del Passo del Bocco da Chiavari che vi condurrà direttamente a Bardi.

Nel caso scegliate la prima soluzione consigliamo di “scovare” la variante del passo della Cappelletta che ha inizio poco prima del passo di Centocroci, costeggia un campo Eolico e poi scende nel territorio di Albareto.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »