Rottura cuscinetto ruota posteriore Africa Twin

Già da qualche tempo erano emersi sui forum e gruppi Facebook dei problemi legati al degrado del cuscinetto destro sulla ruota posteriore dell’Africa Twin, in particolare a chilometraggi superiori a 40’000. In occasione della sostituzione trasmissione finale (circa 32’000km) e del tagliando dei 36’000km il cuscinetto non presentava gioco avvertibile né altre anomalie pertanto abbiamo imprudentemente deciso di non sostituirlo, pur avendo acquistato il materiale necessario: un cuscinetto 6204 schermato ed un corteco 30x47x7,5 (misura commerciale da 7 o da 8 mm)

Nelle scorse settimane ci siamo concessi un piacevole giretto sulle Alpi tra Trentino, Austria e Lombardia (itinerario a questo link) di circa 2’000 km totali, sul più bello -ovvero mentre eravamo in coda sulla SS49 a qualche chilometro da Brunico e stava iniziando a cadere qualche goccia di pioggia- ho iniziato a sentire un rumore simile a quello che provocano le pastiglie finite sfregando sul disco provenire dalla ruota posteriore.

Il pensiero è ovviamente andato subito al cuscinetto incriminato, anche perché il rumore proveniva dalla parte destra: dopo aver accostato ho notato subito che il corteco di protezione si era già deteriorato ed il distanziale della ruota era “sceso” di qualche millimetro rispetto al centro. Momento perfetto per un temporale, quindi!

Al riparo dalla pioggia sotto un cavalcavia cerco un meccanico di moto nella cittadina di Brunico, senza successo. L’unica attività commerciale pervenuta è stata il negozio di abbigliamento moto “Biker Shop” in cui mi sono recato subito -vista anche l’ora- con la speranza di avere qualche suggerimento: la gentile titolare mi da il contatto di un meccanico a Molini di Tures, località distante una dozzina di chilometri.

Contatto il titolare Gerhard “Jerry”, che mi dice di recarmi da lui il mattino successivo dopo le 8 per provare a riparare la moto: il mio dubbio era che la situazione potesse degenerare bloccando la ruota e quindi procedo lentamente con le dita virtualmente incrociate: il problema se il cuscinetto fosse collasato del tutto sarebbe anche stato quello di estrarne l’anello esterno dal mozzo.

Per fortuna nulla di quanto sopra è accaduto e la sostituzione è stata rapidissima: circa 30 minuti in totale compresa regolazione ed ingrassaggio della catena!

Se vi capita di essere in zona qui il link al sito dell’officina multimarca di Gerry, davvero in gamba oltre che disponibile.

In sostanza quindi occhio a questo cuscinetto, probabilmente è saggio sostituirlo al tagliando dei 36’000km. Per un lavoro a regola d’arte, andrebbero sostituiti entrambi, ma effettivamente dal lato sinistro la presenza del cuscinetto sul portacorona probabilmente alleggerisce il carico.

Non ci è ancora chiaro se la rottura è causata da un componente economico (marca NSF) o leggermente sottodimensionato rispetto al carico che subisce: normalmente si percorrono almeno 50’000 km prima di considerare la sostituzione di tali componenti.

Una volta noto il “difetto”, virgolettato d’obbligo in quanto comunque si tratta di componente di consumo, la cosa più saggia è agire preventivamente per evitare di ritrovarsi in situazioni spiacevoli, magari lontani da casa e con una vacanza rovinata.

mde dav mde

 

 

 

3 comments

    • Federico on 31 agosto 2018 at 09:48
      Author

    Se vuoi più informazioni sulla moto e su accessori e modifiche installati visita la pagina http://www.advtourer.com/le-moto/honda-africa-twin/ e relativi link
    a presto!

    • Federico on 31 agosto 2018 at 09:47
      Author

    Ciao Davide, modello con cambio manuale immatricolata ad Aprile 2016. Non mi risulta che vi siano differenze con la DCT o aggiornamenti sulla 2018 per quanto riguarda i cerchi.

    • Davide on 30 agosto 2018 at 17:12

    Salve di quale modello e anno specifico di africa twin crf 1000L si tratta nell’articolo? Non è specificato e sarei curioso di saperlo. Grazie

Comments have been disabled.